Siamo tornati con un nuovo viaggio nel tempo!

Dopo aver visto gli anni ’20 e ’30, ora tocca agli anni ’40!

Che cosa è successo in questo periodo? Il mondo è sconvolto dalla guerra, e questo si riflette nelle abitudini quotidiane, nella trasformazione della società e nell’economia.

La guerra entra nelle case dei cittadini: infatti, viene imposto il razionamento su tutto e di conseguenza diventa un’arte preziosa saper riciclare.

Le gonne si accorciano, per mancanza di tessuto in circolazione. Nascono in questo periodo i bikini, sempre per la carenza di tessuto.

fonte: www.dejavuteam.com

Vengono riutilizzate anche stoffe dell’esercito, per cui si introducono negli armadi colori come il verde, il grigio e il beige.

Vengono confezionati tailleur che hanno spalline pronunciate, tasche larghe e linee dritte, rispecchiando così il formalismo degli ambienti militari e il bisogno di praticità.

Le donne devono sostituire gli uomini arruolati, quindi trova ampio utilizzo il pantalone, comodo per spostarsi e lavorare.

fonte: www.giovannavitacca.com

Sempre in nome del riciclo, le scarpe cominciano ad avere componenti in sughero o legno.

Passiamo ora alla testa: il capo è decorato con un cappellino, con delle reti che raccolgono l’acconciatura, con fasce o foulard.

Di sera, i capelli vanno di moda lunghi, ondulati e con la riga laterale, mentre di giorno sono raccolti in acconciature morbide e pratiche.

fonte: www.elisamotterle.com

Per chi non riusciva ad avere una chioma bella e ordinata, riusciva molto comodo il turbante oppure la pettinatura a elmo.

fonte: www.dejavuteam.com

Per quanto riguarda il trucco, ciò che spicca è il rossetto rosso, mentre per il resto il viso rimane poco truccato e più naturale.

Per dare un tocco di colore, viene impiegato il blush aranciato, mentre le sopracciglia cominciano a essere meno sottili.

fonte: www.pinterest.it

Alla fine degli anni ’40, Christian Dior lancia il New Look: una brezza di novità e glamour per le donne che stanno resistendo alla guerra.

Infatti, Dior ridona valore alla silhouette femminile proponendo il tailleur Bar: giacca stretta ai fianchi e gonna a ruota, per donne che desiderano sbocciare di nuovo.

Dopo l’allentamento delle restrizioni, il pubblico accoglie con entusiasmo le donne-fiore di Dior, in quanto ha ridato il gusto di vestirsi durante quegli anni difficili.

fonte: www.dejavuteam.com

E concludiamo qui il nostro viaggio nel tempo!

Vi è piaciuto questo articolo? Spero proprio di sì!

Continuate a visitare il nostro sito per il prossimo capitolo…gli anni ’50!!!

fonte immagine di copertina: www.vedividivici.us