Possiamo definire l’eritema solare come una scottatura o ustione, dovuta proprio ad una prolungata ed eccessiva esposizione al sole e di conseguenza ai raggi ultravioletti. Questo avviene perlopiù quando o manca oppure non è sufficiente la protezione solare. In genere i sintomi compaiono dopo circa 6-12 ore dall’esposizione al sole e si può parlare di una vera e propria questione di primo o di secondo grado a seconda della dimensione del problema. La pelle appare subito arrossata, piena di bolle e anche di vescicole e molto spesso accompagnata da prurito e secchezza cutanea. Ma cos’è nello specifico quest’ eritema solare e poi come poterla trattare con i giusti prodotti. Facciamo un po’ di chiarezza.

Eritema solare, che cos’è

fonte: https://farmaciadelvomero.it/

Come abbiamo avuto modo di vedere, si tratta di una scottatura o di una ustione dovuta ad una prolungata ed eccessiva esposizione al sole e raggi ultravioletti senza protezione o comunque con una scarsa protezione solare. In genere l‘eritema ed anche la sua entità dipende da diversi fattori ed ancora dal fototipo a cui chiunque di noi vuoi non vuoi appartiene.

L‘eritema solare però dipende anche dai raggi ultravioletti assorbiti. Per chi non lo sapesse, il fototipo altro non è che la classificazione dermatologica che suddivide poi le varie persone in base alla quantità di melanina che si trova proprio nella pelle. Ci sono nello specifico ben Sei fototipi diversi che vanno dall’1 al 6 ovvero dalla pelle molto chiara a quella nera. Ovviamente il fototipo 1 è maggiormente esposto al rischio di eritema solare e quindi va protetto maggiormente.

Preparare la pelle all’esposizione al sole

Sicuramente un modo per poter evitare l’eritema solare è preparare la pelle proprio all’esposizione solare. Uno dei metodi più importanti ed efficaci è sicuramente fare una maschera bio all’argilla fai da te. Questa permetterà non soltanto di idratare la pelle ma anche di purificarla ed eliminare tutte le cellule morte e preparare così l’epidermide all’impatto con il sole.

I rimedi contro l’eritema

In genere i primi sintomi compaiono dopo 6-12 ore dall’esposizione al sole e scompaiono spontaneamente in quattro o massimo 5 giorni. Ovviamente durante questi giorni non bisognerà assolutamente esporsi al sole. Attenzione però, perché l’eritema aumenta anche il rischio della comparsa di macchie cutanee ed anche al tumore della pelle. Ma cosa fare quindi in caso di eritema solare? Sicuramente la prima cosa da fare è quella di assumere un antidolorifico che può dare sollievo.

Poi bisognerà provare rimedi naturali applicando sulla pelle direttamente degli impacchi calmanti che siano a base di cetriolo, camomilla, acqua e yogurt. Soprattutto in caso di eritema esteso oppure in presenza di sintomi piuttosto consistenti, sarebbe il caso di consultare il medico. Utile potrebbe essere anche fare una doccia molto fredda e degli impacchi con il ghiaccio. Non dovranno mancare poi creme e lozioni specifiche da applicare sulla pelle arrossata.