Il gommage è una particolare tecnica che permette di ossigenare i tessuti e favorisce quindi il rinnovamento della pelle. Di fatto questa tecnica serve ad evitare la formazione di brufoli che non soltanto sono agenti fisici, ma sono anche molto dolorosi a seconda anche delle zone dove crescono. Attraverso questa tecnica la pelle viene sicuramente ripulita da tutte le scorie, imperfezioni e punti neri. Ma in cosa consiste effettivamente il gommage e come realizzarlo?

Il Gommage, cos’è

Il gommage, come abbiamo avuto già modo di anticipare, è un tipo di tecnica che viene utilizzata per favorire l’ossigenazione dei tessuti e il rinnovamento della pelle. È adatto a tutti i tipi di pelle, anche quelle sensibili. Attraverso una azione meccanica, la pelle sicuramente viene ripulita da ogni tipo di impurità e imperfezioni. L’unico consiglio che vogliamo darvi è di fare attenzione alla preparazione nel caso in cui e poi realizzarlo in casa.

Quando e come fare il gommage

Stando a quanto riferito dagli esperti sembra che il gommage vada effettuato all’incirca ogni settimana o al massimo una volta ogni 15 giorni. ovviamente prima dovete pulire la vostra pelle. Subito dopo applicate il gommare, sul viso appena deterso. La prossima pelle infatti dovrà essere pulita, i pori dovranno essere dilatati e la circolazione cutanea particolarmente attiva. Soltanto in questo modo otterrete dei risultati eccellenti. Ecco qui di seguito i passaggi per poter ottenere un trattamento che sia ad hoc.

I vari passaggi

Stendete Innanzitutto il prodotto con dei movimenti circolari sulla pelle appena umida, evitando sia il contorno labbra che il contorno occhi. Risciacquate poi con cura e successivamente applicate una pelle che sia idratante. Come vi abbiamo già anticipato, questa particolare tecnica è adatta davvero ad ogni tipo di pelle. Bisogna però fare particolare attenzione nel caso in cui si soffra di couperose.

Che differenza c’è tra gommage, scrub e peeling

fonte:https://www.alfemminile.com/

Sostanzialmente si tratta di tecniche molto simili tra di loro ma nel dettaglio hanno sicuramente delle differenze.

Scrub

Da una parte abbiamo la scrub per un esfoliante di tipo meccanico che continua il proprio interno delle sostanze come polveri, sali, pietre che effettuano una esfoliazione dello strato più superficiale della pelle. Applicato con dei massaggi circolari, permette di sfamare le cellule morte favorendo il rinnovamento cellulare. In questo modo la vostra pelle sarà sicuramente più luminosa.

Gommage

Si tratta di un esfoliante meccanico molto più delicato rispetto al primo, il quale contiene al proprio interno una polvere di riso o avena. Bisogna in questo caso effettuare dei movimenti gommati sul viso al fine di eliminare poi le varie cellule morte in modo meno aggressivo per la pelle. Bisogna fare soltanto un po’ di attenzione alle pelli affette da couperose.

Peeling

A differenza dei due sopracitati, questa effettua un’azione chimica sulla pelle. I prodotti che vengono utilizzati per effettuare questo tipo di tecnica sono Infatti a base acida. Non è un caso che questo tipo di prodotti vengono utilizzati anche nella mia cantina estetica.