L’henné per capelli: cos’è? Come si usa? Come sceglierlo?

L’henné è una polvere formata da erbe tintorie che assomiglia nell’aspetto all’argilla verde, ma ha un odore molto più forte e pungente e appunto ha note proprietà tintorie, che vengono sfruttate sin dall’antichità per la cura dei capelli e per realizzare decorazioni su tutto il corpo. In alcuni Paesi, come per esempio l’India, infatti veniva e viene ancora utilizzato per creare decorazioni su mani, piedi e braccia con motivi floreali e geometrici realizzando così i tipici tatuaggi Mehndi.

La polvere tintoria di per se ha proprietà nutritive che fanno molto bene ai capelli. Infatti spesso viene utilizzata nella sua formulazione neutra e, in questo modo, viene applicata su tutta la lunghezza dei capelli e lasciata agire per tempi piuttosto lunghi, dandole così la possibilità di agire dalla radice alle punte e donare ai capelli un aspetto più vigoroso e luminoso.

L’henné viene poi anche utilizzato come vera e propria tinta per capelli ed è ormai disponibile sul mercato di qualsiasi tonalità, anche se dopo alcuni lavaggi tende comunque a tornare ad una base rossiccia/color rame, in quanto l’erba di base dona ai capelli dei riflessi di questo colore.

Sono poi disponibili varianti che vanno dal biondo al castano molto scuro, quasi nero.

In ogni caso bisogna tener presente che la colorazione naturale con erbe tintorie non è aggressiva come quella artificiale ma, allo stesso tempo, non è nemmeno così duratura e così intensa.

Infatti per ottenere un risultato duraturo e sempre perfetto è consigliabile ripetere l’applicazione dell’henné ogni due settimane circa, soprattutto se si vuole coprire qualche capello bianco.

L’henné per capelli: quale scegliere?

Le colorazioni naturali a base di henné presenti sul mercato sono moltissime e si distinguono principalmente in più categorie, che sono: quello neutro, che viene utilizzato appunto per rafforzare e rendere più brillanti i capelli, e quelle coloranti vere e proprie. Queste si suddividono a loro volta in due tipologie: quella in polvere e quella liquida.

Quello in polvere è essenzialmente una miscela di erbe tintorie che racchiude sostanze naturali diverse in base al colore che si vuole ottenere. Quello liquido invece è un henné che stato precedentemente miscelato in una speciale formulazione, che consente un’applicazione più veloce e più agevole per chi non fosse pratico nella miscela di polveri e liquidi al fine di creare questo tipo di tinta.

Quando si acquista una miscela di erbe tintorie, infatti, bisogna avere cura di utilizzarle nel modo corretto: miscelare con acqua tiepida ed eventualmente con oli essenziali o altri prodotti adatti per rendere il composto il più adatto più possibile ai propri capelli.

Sia che si scelga la formulazione in polvere e sia che si scelga quella liquida, bisogna tener presente che l’applicazione dell’henné richiede parecchio tempo sia per la preparazione che per la stesura, ma soprattutto per il tempo di posa – che va da un minimo di mezz’ora ad un massimo di quattro ore, in base alla composizione e alla risultato che si vuole ottenere.