Che ci crediate o meno le UGG sono tornate prepotentemente ad essere di moda!

Questo è quando afferma la nota rivista Guardian in merito al ritorno dei noti stivaletti di montone da sempre al centro di critiche a volte davvero feroci, dovute al loro design molto simile a quello delle pantofole.

Il ritorno in pompa magna di questa comoda calzatura, lo si deve sicuramente al delicato momento storico in cui viviamo, per via della pandemia da Coronavirus, che ci impone di passare molto più tempo in casa.

Proprio per questo motivo le persone vogliono sentirsi comode soprattutto nell’abbigliamento: come riportato anche dalla relazione di Lyst, nota piattaforma mondiale che si occupa di ricerca di abbigliamento di lusso, per tutto il 2020 si è registrato un vero e proprio boom di ricerche inerenti queste comode e ben note calzature, con una percentuale pari al 242% rispetto al 2019.

Mentre pigiami e tute l’hanno fatta da padrone sin da inizio pandemia dettando legge anche sulle passerelle, le UGG non sono stare da meno: basti pensare che, sempre in base a quanto riportato da Lyst, le ultra-mini di UGG, ovvero il modello più basso di tutta la linea, si è attestato al quinto posto tra le calzature più amate dalle donne accanto ai pigiami di Sleeper’s Party e alle ben note Birkenstock.

Invece, nella classifica maschile, regnano incontrastate sempre della UGG le Scuff Deco, ovvero il modello a ciabatta, che si attesta al terzo posto.

Queste ricerche testimoniano senza alcun’ombra di dubbio che ad oggi le persone sono alla ricerca di tutto ciò che possa assicurargli comfort e senso di protezione.

Le UGG, divenute un trend, hanno trovato una nuova collocazione non solo per via di questo nuovo stile di vita più casalingo delle persone, ma soprattutto nell’ambito delle nuove tendenze: vi è senza dubbio un ritorno alla moda anni ’90 fatta di comodità a base di cappotti bomber e maglie oversize.

Anche le star e i vari influencer non sono immuni dal fascino delle UGG: da Bella Hadid a Dua Lipa a Stormzy, gli amanti di queste comfort shoes sono in continuo aumento.

In alcuni casi, l’amore per le ben note scarpe-pantofole è così forte da lasciare delle vere e proprie dichiarazioni in merito, come il direttore creativo nonché noto giornalista di US Vogue, André Leon Talley, che, da grande amante delle UGG ha dichiarato che sentirsi comodi dona un senso di sicurezza dal momento che ci si sente a proprio agio e così rilassati che la mente inizia a lavorare più intensamente, progettando un nuovo modo di essere.

La nascita delle UGG

Anche se molti associano queste calzature in pelle scamosciata fuori con un rivestimento in lana interno al freddo, in realtà sono opera di un surfista australiano amante della pelle di montone che cercava delle calzature in grado di tenere al caldo i piedi dopo aver praticato surf.

Il noto brand nacque sulle coste della California del sud nel 1978 e raggiunse in breve tempo un successo inaspettato, attestandosi verso la fine degli anni ’80 come emblema della cultura rilassata della California, per via della vasta diffusione lungo tutta la costa nei vari negozi per surf.

Fu poi tra il 2000 e 2006 che gli UGG videro la loro consacrazione sulle pagine di giornali di moda come Vogue o all’interno delle vetrine più alla moda di New York, dove divennero in breve tempo sinonimo di stile e osannate da Oprah Winfrey.

A questo seguì l’apertura di vari store in tutto il mondo, come Cina, Londra e Giappone.

Non vanno dimenticare le grande collaborazioni con Jimmy Choo e Swarovski e proprio la stessa responsabile creativa nonché fondatrice di Jimmy Choo, affermò che oltre a queste calzature, i ben noti scarponcini erano gli unici presenti nel guardaroba.

Sarà il desiderio di sentirsi alla moda restando comodi pur lavorando da casa, o il freddo o entrambi i fattori, ma le UGG sono tornate prepotentemente.

Il loro successo non è passato inosservato neanche al noto e-commerce di abbigliamento sportivo Schuh: la vendita delle UGG è aumentata del 35% rispetto all’anno precedente.

Anche se nascono come calzature per sportivi, le UGG per ora, devono sentirsi appagate di essere indossate all’interno delle case.

Resta una certezza in questo periodo: né noi, né loro andremo da qualche parte, almeno per qualche tempo.