In questo periodo soprattutto stiamo riscoprendo il piacere di fare le cose a casa e di ricorrere a Madre Natura. Che tu sia stanco della tintura in scatola, oppure cerchi un’alternativa naturale a causa dell’allergia o desideri semplicemente un colore sano per i tuoi capelli, l’henné è quello che fa per te. Qui troverai tutte le risposte alle domande comuni sull’henné. Non tutto l’henné disponibile è uguale e il modo in cui lo applichi può fare un’enorme differenza per il risultato finale.

Cos’è l’henné?

L’henné (Lawsonia Inermis) è la tintura per capelli più antica oggi in circolazione. Era usato per tingere i capelli dagli egiziani, dagli artisti preraffaelliti come segno di appartenenza, dagli indiani orientali. Non solo, era diffuso per gli usi cerimoniali come tingere le barbe o realizzare disegni su mani e piedi come segno di gioia. Nella medicina ayurvedica Lawsonia Inermis è anche usata come rimedio medicinale per vari tipi di disturbi.

Come funziona l’henné?

I capelli vengono solitamente tinti aprendo la cuticola (lo strato protettivo esterno del capello) utilizzando soluzioni alcaline a base di ammoniaca. Ciò consente alla tintura di penetrare all’interno del fusto del capello donando una colorazione a lungo termine. Questo metodo è efficace, ma non adatto ai capelli a causa degli effetti dannosi della soluzione alcalina sui capelli e sul cuoio capelluto che possono arrossarsi e irritarsi. L’henné funziona in modo completamente diverso ed è delicato sulla pelle e sui capelli. Quando la pasta di foglie di henné viene applicata sui capelli, la sua molecola colorante si attiva, cioè il Lawsone, migra gradualmente nello strato esterno del capello legandosi alle proteine ​​del capello creando una macchia veloce. Il Lawsone si attacca essenzialmente ai capelli senza dover aprire la cuticola e si lava via dopo alcuni lavaggi. Quindi non aprendo la cuticola dei capelli, non ci sono danni ai capelli e nessuna pelle arrossata grazie al suo pH delicato sull’epidermide.

L’henné è sicuro?

Il vero henné è a base di Lawsonia inermis, è assolutamente sicuro da usare e molto più gentile delle tinture per capelli convenzionali che causano irritazione alla pelle e danneggiano i capelli. Tuttavia deve essere di una certa qualità. Ciò significa che è molto importante ottenerlo da fornitori affidabili che controllano

  • il contenuto microbico (chi vuole cose strane sulla teste?)
  • l’autenticità (può essere adulterato e diluito con altre erbe o additivi)
  • il contenuto della molecola del colorante, cioè con Lawsone deve essere inferiore all’1,4% affinché le applicazioni siano sicure.

Numerose blogger in rete mostrano i risultati e i test sui loro capelli per assicurare il risultato e che non ci siano danni dalle applicazioni di henné.

Devo fare un test prima di usare l’henné?

Sì. Sebbene non sia ossidativo, l’henné è classificato come permanente da molti specialisti perché conferisce ai capelli un colore così duraturo (in particolare alle tonalità più chiare). Taglia una piccola ciocca di capelli verso la parte posteriore della testa vicino alla nuca e fai una prova per assicurarti di essere soddisfatto al 100%, oppure applicalo su una piccola parte e controlla il risultato.