Continuiamo a conoscere i parrucchieri più famosi al mondo.

Oggi incontriamo Serge Normant, hairstylist di attrici come Julia Roberts, Sarah Jessica Parker, Blake Lively o Sofia Vergara, e modelle come Iman, Cindy Crawford e Gisele Bündchen. Anche personaggi di spicco come Amal Clooney e Meghan Markle ricorrono a lui per un restyle.

fonte: www.iodonna.it

Serge nasce e cresce a Parigi e già a 12 anni comincia a sperimentare con i capelli di sua madre, che lo sostiene nella sua passione.

Sempre a Parigi, entra a far parte dell’equipe di Bruno Pittini, che diventerà suo mentore.

Insieme a lui si trasferisce in America negli anni ’80, dove si farà notare.

Il suo talento, infatti, lo porterà a collaborare con riviste del calibro di Harper’s Bazaar, Vogue, Allure, Elle e W per le loro copertine.

Inoltre, viene scelto per le campagne pubblicitarie di Chanel, Yves Saint Laurent, L’Oréal, Lancôme, Estee Lauder, Tiffany & Co., Ralph Lauren, Gucci, Dolce & Gabbana e Celine.

fonte: www.chanche4traveller.com

Ad oggi, Serge è proprietario di due saloni e di una linea di prodotti per capelli.

Serge ama rispondere alle domande delle donne, dubbi di tutti i giorni, come ad esempio quando tagliarsi i capelli o che shampoo usare per capelli colorati.

L’hashtag #AskSerge rimbalza nei social media da molto tempo ormai e Serge è felice di rispondere il più possibile!

fonte: www.bellezza.robadadonne.it

Inoltre, Serge è innamorato di icone di stile come Marlyn Monroe, Audrey Hepburn, Ava Gardner e Brigitte Bardot.

Una caratteristica delle sue creazioni è l’attenzione per il volume.

Serge usa molto gli spray volumizzanti, per giocare con le ciocche e creare la dimensione che desidera.

Come detto prima, Serge si ispira molto alle icone di stile come Brigitte Bardot o Marlyn Monroe, e trae spunto dalle loro acconciature per offrire alle sue clienti uno stile vintage, semplice ed elegante.

Il trucco è semplice: bisogna creare una linea centrale e interromperla a metà nuca, se non prima (avvicinandosi alla fronte) per avere un effetto bombato e molto materiale su cui lavorare. Ripropone l’uso dei maxi bigodini e della spazzola piatta.

Ciò che importa non è un’acconciatura impeccabile e irrealisticamente perfetta, ma piuttosto una veloce, semplice e volutamente naturale, quasi spettinata. Ad esempio, Serge usa molto la tecnica del teasing, cioè pettinare al rovescio le ciocche arruffandole.

Per capire meglio, guardate il suo tutorial cliccando qui.

Qui di seguito vi facciamo vedere qualche idea.

fonte: www.pinterest.it

fonte: www.pinterest.it

fonte: www.pinterest.it

fonte: www.pinterest.it

fonte: www.pinterest.it

fonte: www.pinterest.it

Vi è piaciuto questo stile anni ’60?

Sperimentate a casa acconciature ispirate alle grandi attrici del passato o sfidate la vostra parrucchiera!

Se vi è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarvi anche:

 

 

fonte immagine di copertina: www.coveteur.com