E se ogni donna scoprisse che esiste un make up adatto per la forma del proprio viso?

Spesso non si tratta soltanto di correggere dei piccoli difetti del viso, ma di valorizzarlo ulteriormente rispetto all’utilizzo di un make-up universale e non appropriato. 

Il primo passo verso il make-up ideale è quello di identificare la forma del proprio viso. 

Sono state convenzionalmente definite infatti 7 tipologie di viso, e sono: ovale, a cuore, quadrato, a diamante, tondo, triangolare e allungato.

Essenzialmente il trucco sta nel porre in evidenza le forme naturali del viso andando a giocare sui toni e su punti luce e di ombra. 

Infatti l’essenziale sta nel creare un contrasto, ovviamente senza esagerare nella differenza tra il tono chiaro e quello scuro, tra le zone luminose come per esempio gli zigomi, il mento e la fronte, rispetto a quelli in ombra come per esempio l’incavo delle guance, le tempie e così via.

Per ottenere questo risultato si utilizzano prodotti come correttori, illuminanti, bronzer, terre e altri prodotti similari in stick, in crema o in polvere – tutti con la funzione di creare una sorta di livello di “ombreggiature” su tutto il viso, il cosiddetto “contouring”. 

Come mettere in pratica tutto ciò? 

Dopo aver definito la forma del proprio viso si può iniziare ad utilizzare un make-up adatto. Nello specifico si può procedere a realizzare il contouring in questo modo: 

  • per la forma ovale: scurire con terra o correttore scuro l’incavo delle guance, mentre si schiariscono con un blush illuminante o altro prodotto similare gli zigomi, la punta del mento e del naso e la parte centrale della fronte. 
  • per il viso quadrato: scurire le parti più spigolose e marcate del viso e schiarire zigomi, punta del mento, naso e parte sporgente della fronte.
  • per il viso a cuore: scurire tempie e parte posteriore degli zigomi in modo da contribuire a valorizzare la parte inferiore del volto, che spesso in questa forma viene penalizzata; valorizzare con un illuminante gli zigomi, il naso e il mento. 
  • per il viso a diamante: simile al volto quadrato, ma in questo caso la terra viene sfumata nella parte alta della fronte e nella parte posteriore degli zigomi. 
  • per un viso tondo: in questo caso si cerca di valorizzare lo sguardo e definire la forma del viso, per cui si utilizza una terra sulle guance fino alle tempie e fino all’attaccatura delle orecchie, mentre l’illuminante si utilizza sugli zigomi, sul naso e sul mento.
  • per un volto triangolare: in questo caso si cerca di dare armonia al viso utilizzando una terra sulle guance fino alla mascella e un illuminante sulla parte superiore del viso su zigomi, punta del naso e fronte. 
  • per un viso allungato: in questo caso si lavora maggiormente sulla zona degli zigomi. andando a creare luci e ombre per dare “movimento” al volto.

Detto ciò, è evidente come scegliere il make-up in base alla forma del proprio viso possa cambiare radicalmente l’effetto finale: un make-up molto semplice e naturale può rivelarsi in questo modo assolutamente sorprendente.