Vi ricordate del matrimonio tra Nick Jonas e Priyanka Chopra?

La bellissima sposa ha adornato le sue mani con il tipico tatuaggio a base di henna.

Scopriamo oggi che cosa è e se vi va di provarlo!

fonte: www.vanityfair.it

L’henna è una pianta utilizzata a fini cosmetici: infatti, dal fusto e dalle foglie si ricava una polvere pigmentata di color verde scuro.

Questa polvere viene mescolata con acqua, oli essenziali o caffè e viene applicato per tingere i capelli (hennè) oppure per creare i tipici tatuaggi della tradizione indiana.

Sebbene tutti possano fare questo tipo di tatuaggio, solitamente in Asia ed Africa vengono utilizzati per le cerimonie religiose, come i matrimoni.

fonte: www.pinterest.it

Il tatuaggio a base di hennè è assolutamente indolore e dura per brevi periodi (massimo un mese).

Sebbene sia possibile farlo a casa (vendono dei kit appositi) oppure trovare artiste di strada pronte a farlo, è consigliabile rivolgersi a un centro estetico, che sappia offrirvi un tattoo compatibile con la vostra tipologia di pelle e abbia un effetto più duraturo.

Infatti, alcuni hennè sono arricchiti con parafenilendiamina per renderli più scuri e più duraturi: questa sostanza potrebbe irritare la pelle, quindi fate attenzione al composto che state utilizzando.

fonte: www.pinterest.it

Solitamente l’hennè viene steso sulla pelle di mani e piedi, ma non c’è una regola.

Essendo un ornamento, siete libere di sbizzarrirvi e scegliere la fantasia che preferite.

Potete scegliere il colore e il tipo di disegno: di solito vengono scelti cigni, pavoni, occhi, fantasie floreali o a scacchiera.

Nella tradizione indiana ogni disegno ha un suo significato, ma per l’Occidente non esiste alcun rimando semantico preciso.

fonte: www.pinterest.it

Per mantenere più a lungo il tatuaggio, cercate di non lavare la parte del corpo interessata e lasciatelo asciugare il più a lungo possibile.

Invece, per la rimozione, sarà utile uno scrub o esfoliante delicato.

Che ve ne pare?

Vi piace questo tipo di tatuaggio?